Ha dato se stesso per noi

deposizione 1Durante il Triduo Sacro siamo invitati a riflettere e a vivere con più sentito fervore il “mistero centrale della salvezza”, partecipando alle solenni cerimonie liturgiche che ci fanno rivivere gli ultimi giorni della vita di Gesù.

Il Giovedì Santo ci riporta all’istituzione dell’Eucaristia, dono supremo dell’amore di Dio nel suo progetto di redenzione. Quella sera, durante la Cena, Gesù, anticipando misticamente il sacrificio del Calvario, si donò in sacrificio, sotto le specie del Pane e del Vino, come egli stesso aveva preannunciato (cf. Gv 6) ed affidò agli Apostoli e ai loro Successori la missione e il potere di perpetuarne la memoria ripetendo lo stesso rito: “Fate questo in memoria di me!”. Scrivendo ai Corinzi verso l’anno 53-56, l’apostolo Paolo confermava i primi cristiani nella verità del “mistero eucaristico”, comunicando loro quanto egli stesso aveva appreso: “Il Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito, prese del pane e, dopo aver reso grazie, lo spezzò e disse: “Questo è il mio corpo, che è per voi: fate questo in memoria di me”. Allo stesso modo, dopo aver cenato, prese il calice, dicendo: «Questo calice è la Nuova Alleanza nel mio sangue; fate questo,

Lasciamoci conquistare dal suo Amore

entrata a gerusalemmeCon la domenica delle palme entriamo nei giorni più importanti dell’anno, entriamo nella grande settimana: la Settimana Santa.

Saranno i giorni più importanti dell’anno, soprattutto in riferimento al triduo pasquale. Una settimana intensa che annovera il giorno solenne del giovedì santo, memoria della istituzione del sacerdozio e dell’eucarestia da parte di Gesù.

In questi giorni celebriamo i misteri centrali della nostra fede: la morte e la risurrezione del Signore.

Il centro della nostra esistenza consiste nell’incontro personale con Gesù Cristo: lasciamoci raggiungere da lui! Lasciamoci amare

Vogliamo vedere Gesù

chicco grano“Vogliamo vedere Gesù": il vangelo della quinta domenica di quaresima ci proietta in una Gerusalemme piena di pellegrini per le imminenti ricorrenze pasquali, alcuni pagani si avvicinano a Filippo formulando questa richiesta.

Gesù risponde alla domanda dei Greci, paragonandosi al chicco di grano che muore per portare frutto, mostrando così la strada che il discepolo dovrà percorrere per arrivare alla conoscenza profonda di lui. Il chicco che muore per dare frutto è il vero volto di Cristo, e

La domenica di Nicodemo

nicodemo gesùNella quarta domenica di Quaresima leggiamo la seconda parte del colloquio fra Gesù e Nicodemo. Egli, fariseo come San Paolo, era una delle autorità del tempio. Lo incontriamo tre volte nel vangelo di Giovanni e questa è la prima. Egli benché affascinato da Gesù, aveva paura di manifestare il suo interesse per il Nazareno, perché temeva il giudizio dei suoi pari; così va dal Maestro di notte, per non essere visto.

Gesù lo accoglie e il colloquio è molto convincente per il fariseo, tanto che questi cercherà in una occasione di difendere il Maestro davanti ai

Fare del nostro cuore la casa di Dio

3a quaresima bTerza domenica di Quaresima.

Il Vangelo (Gv 2,13-25) ci presenta l’episodio della cacciata dei venditori dal tempio, Gesù «fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi», il denaro, tutto. Tale gesto suscitò forte impressione, nella gente e nei discepoli. Chiaramente apparve come un gesto profetico, tanto che alcuni dei presenti domandarono a Gesù: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?», chi sei tu per fare queste cose? Mostraci un segno che tu hai autorità per farle. Cercavano un segno divino, prodigioso che accreditasse Gesù come inviato da Dio. Ed Egli rispose: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». Gli replicarono: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?» (v. 20). Non avevano compreso che il Signore si riferiva al tempio vivo del suo corpo, che sarebbe stato distrutto

Sostegno

banner iuniores

Vocazioni

rivista

Rivista

Contatti

ITALIA
Via Giuliano da Sangallo, 2
59016 Poggio a Caiano (PO)
+39 055 87775210

 

EGITTO
Street 7 n. 30
El Maadi Cairo
+20 223588422

ISRAELE
St. Catherine's  - Franciscan Monastery
P.O.B. 588, 91001 Jerusalem
+970 22776172

BRASILE
Rua Montagna, 2679  Bairro Areias
64027.672 Teresina
+55 8632270724

SRI-LANKA
1/13 Tudella   Ja-Ela
+94 112232403