Credere senza avere visto

2a pasquaE' la domenica di Tommaso e di una bea­titudine che sento mia: Beati quelli che non hanno visto eppure credono! Le al­tre le ho sentite difficili, cose per pochi co­raggiosi, per pochi affamati di immenso. Questa è una beatitudine per tutti, per chi fa fatica, per chi cerca a tentoni, per chi non ve­de, per chi ricomincia. Siamo noi quelli di cui parla Gesù, noi che non abbiamo visto e­p­pure di otto giorni in otto

giorni con­tinuiamo a radunarci nel suo nome, a distanza di millenni e a prossimità di cuo­re; di noi scrive Pietro: «voi lo amate pur sen­za averlo visto». Otto giorni dopo venne Gesù, a porte chiu­se. C'è aria di paura in quella casa, paura dei Giudei, ma soprattutto paura di se stessi, di come lo avevano abbandonato, tradito, rin­negato così in fretta. Mi conforta pensare che, se anche trova chiuso, non se ne va'. Ot­to giorni dopo è ancora lì: l'abbandonato ri­torna da quelli che sanno solo abbandona­re.

Viene e sta in mezzo a loro. Non chiede di es­sere celebrato, adorato. Non viene per rice­vere, ma per dare. È il suo stile inconfondi­bile. Sono due le cose che porta: la pace e lo Spirito.

Pace a voi. Non un semplice augurio o una promessa futura, ma una affermazione: la pace è a voi, vi appartiene, è già dentro di voi, è un sogno iniziato e che non si fermerà più. Io vi porto questo shalom che è pienezza di vita. Non una vita più facile, bensì più pie­na e appassionata, ferita e vibrante, ferita e luminosa, piagata e guaritrice. La pace a­desso.

Soffiò e disse loro: ricevete lo Spirito Santo. Su quel pugno di creature, chiuse e impaurite, scende il vento delle origini, il vento che sof­fiava sugli abissi, che scuote le porte chiuse: ecco io vi mando!

In quel soffio Gesù trasmette la sua forza: con lo Spi­rito di Dio voi farete le cose di Dio. E la pri­ma delle cose da Dio è il perdono.

Tommaso, metti qua il tuo dito nel foro dei chiodi, stendi la mano, tocca! Le ferite del Risorto, feritoie d'amore: nel corpo del cro­cifisso l'amore ha scritto il suo racconto con l'alfabeto delle ferite, indelebili ormai come lo è l'amore.

Gesù che non si scandalizza dei miei dubbi, ma mi tende le sue mani. A Tommaso basta questo gesto. Non è scritto che abbia tocca­to. Perché Colui che ti tende la mano, che non ti giudica ma ti incoraggia, è Gesù. Non ti puoi sbagliare!

Padre Ermes Ronchi

Sostegno

banner iuniores

Vocazioni

rivista

Rivista

Contatti

ITALIA
Via Giuliano da Sangallo, 2
59016 Poggio a Caiano (PO)
+39 055 87775210

 

EGITTO
Street 7 n. 30
El Maadi Cairo
+20 223588422

ISRAELE
St. Catherine's  - Franciscan Monastery
P.O.B. 588, 91001 Jerusalem
+970 22776172

BRASILE
Rua Montagna, 2679  Bairro Areias
64027.672 Teresina
+55 8632270724

SRI-LANKA
1/13 Tudella   Ja-Ela
+94 112232403

Login